Frana a monte forzata!!

La settimana dopo la gran giornata passata con gli amici sardi, torniamo per rilevare il possibile e cercare di forzare il passaggio che li ha fermati la volta scorsa.

Ci dividiamo in due squadre, Omar e Flavia rileveranno il meandro collettore a monte. Edo, Alex ed io corriamo veloci verso il passaggio da forzare.

Quello che ci attende è una frana da cui fuoriesce una violentissima corrente d’aria, preceduta da un passaggio in una frattura verticale allagata da fango liquido sul fondo. Ovviamente l’unico punto largo abbastanza da permettere il passaggio si trova proprio lì, e, all’andata su un fianco, al ritorno sull’altro, ci si immerge completamente nella “plorda”.

Passa per primo Edo a valutare la situazione, che non è delle più rosee, ma riesce ad infilarsi tra i massi instabili, e passa, spronato probabilmente dalla potenza della corrente d’aria. Oltre la galleria prosegue, e così sprona anche noi rimasti al di là del passaggio a “tociarse”.

Immagine anteprima YouTube

Continuiamo l’esplorazione risalendo la galleria che si trasforma nuovamente in meandro, e poi si biforca, da una parte ci teniamo alti nella parte comoda del meandro, e arriviamo ad una sala con un laghetto sul fondo. Dalla parete scende un rigagnolo d’acqua, e illuminando con i fari di profondità riusciamo a vedere un meandro 20-30 metri più in alto, che sfocia nella sala creando una piccola cascata, una risalita che aspetta. Tornando indietro esploriamo anche l’altra diramazione, un meandro scomodo in alcuni punti, e ci fermiamo su un piccolo salto che però sarà meglio fare con una corda a far da sicura.

Torniamo verso la frana, che osservandola meglio dal di qua, sembra abbastanza lavorabile, per tornare bisognerà sacrificare una giornata di lavoro per mettere in sicurezza e allargare il passaggio.

Raggiungiamo Omar e Flavia che infreddoliti, sono riusciti a rilevare fino a Sanctum, la parte più rognosa è fatta. 

Usciamo ancora una volta soddisfatti della grotta, che continua a regalare emozioni ad ogni uscita.

Nessun commento presente.

Nessun trackback